Castel Trostburg, a Ponte Gardena. Foto Studio Cailotto

Castelli del Tirolo storico, nuova pubblicazione con dvd in uscita

Copertina Volume "Castelli e altri tesori del Tirolo storico 2"

A partire dal X sec. il Tirolo è stato teatro delle discese dalla Germania dei Sovrani del Sacro Romano Impero, che con i loro eserciti erano diretti a Roma per l’incoronazione papale o scendevano nella penisola per rafforzare il loro potere nei confronti delle nascenti autonomie comunali. Le Vie di passaggio utilizzate da questi eserciti, vie di comunicazione altamente strategiche, conservano ancora le numerose strutture fortificate sorte per il controllo del territorio.

Questa pubblicazione è il terzo lavoro di una collana che, ricostruendo il percorso degli Imperatori, dalla Baviera alla Pianura Padana, ha come obiettivo finale l’illustrazione di un nuovo itinerario culturale denominato appunto “Le Vie dell’Impero”, un progetto che porterà alla riscoperta delle tracce di un passato di grande suggestione, facendo rivivere storie e luoghi capaci ancor oggi di generare emozioni. Un viaggio per ritrovare quei legami storici e culturali che costituiscono l’essenza delle comuni radici degli Stati d’Europa.

Contenuti
(6 itinerari, 12 castelli)

Trentino
1.
Castello di Avio
Castel Beseno, a Rovereto

2.
Castello di Pergine
Castel Ivano, a Castel Ivano

Sud Tirolo
1.
Castel Taufers, a Campo Tures
Castello di Welsperg, a Monguelfo

2.
Trostburg, a Ponte Gardena
Castello di Moos, ad Appiano

Tirolo Austriaco
1.
Castello di Ehrenberg, a Reutte
Chiesa di Sant’Osvaldo, a Seefeld

2.
Castel Bruck, a Lienz
Castello di Rabenstein, a Virgen

***

A cura di

Logo Associazione I Tesori del Tirolo storico

con il contributo della

Logo_Regione_TAA

con il patrocinio di

Logo Euregio

e con il sostegno di

Logo A 22

***

Progetto e coordinamento: Filippo M. Cailotto • Studio Cailotto
Realizzazione editoriale: Azzurra Music srl – Dipartimento Publishing

Hanno collaborato alla realizzazione del volume (testi):
Roberto Codroico, Elisa De Gaetani,
Anita Koppelstätter, Alexander von Hohenbühel

Referenze iconografiche:
Martin Lugger (pag. 76), Burgenwelt Ehrenberg (pagg. 90-91);
tutte le altre: Filippo Maria Cailotto e Yumiko Ando
per Studio Cailotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *